PREMIAZIONI BORSA DI STUDIO GIROLAMO TRIPODI

76
image_pdfimage_print

Ancora un importante riconoscimento per gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Radice – Alighieri” di Catona.

Un alunno della classe III D dello scorso anno scolastico, Domenico Antonio Siclari, ha vinto una borsa di studio promossa dalla Fondazione “Tripodi” per ricordare la figura di Girolamo Tripodi, un uomo politico che, apprezzato anche dagli avversari, si è sempre battuto per il riscatto della nostra terra e degli “ultimi”.

La manifestazione, svoltasi in una sala gremita presso la scuola primaria di Catona,  ha visto la partecipazione degli studenti delle terze  classi  della scuola secondaria di I grado a cui era rivolto il bando. Ha introdotto i lavori la Dirigente scolastica,  Avv. Simona Sapone, che ha presentato il premio istituito dalla Fondazione Girolamo Tripodi,  La Dirigente ha pronunciato parole di apprezzamento per il lavoro portato avanti dalla Fondazione a favore degli studenti reggini ed ha espresso l’augurio che anche in futuro possa proseguire la proficua e feconda collaborazione che è ormai giunta al terzo anno.  Prima della consegna del premio è intervenuto Michelangelo Tripodi, Presidente della Fondazione, che era presente insieme alla sorella Maria Concetta, al fratello Ivan e all’Avv. Lorenzo Fascì del Consiglio di Amministrazione.

Michelangelo Tripodi, già DSGA dell’Istituto,  ha rivolto un sentito ringraziamento alla Dirigente scolastica  sempre disponibile ad accogliere e a sostenere le iniziative portate avanti dalla Fondazione. Inoltre, ha  sottolineato “che la scelta di premiare gli studenti meritevoli delle scuole reggine rappresenta un indirizzo strategico della Fondazione che sta investendo molto sui giovani  perché questi ultimi costituiranno  la classe dirigente del futuro.”

Infine, si è passati alla premiazione dello studente Domenico Antonio Siclari, il quale, emozionato e commosso, ha ringraziato tutti, in particolare, i docenti che gli hanno dato delle solide basi per affrontare, nel miglior modo possibile, i cinque anni di liceo.

Prof. Antonio Lombardo

 

 

 

In questo articolo
Skip to content