Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità IDPWD – 3 Dicembre 2022

218
image_pdfimage_print

Ci sono uomini con una disabilità evidente 

in mezzo a tanti uomini con disabilità che non si vedono.

(Ezio Bosso)

La Giornata internazionale delle persone con disabilità è stata proclamata nel 1981 con lo scopo di promuovere i diritti e il benessere dei disabili.

Dopo decenni di lavoro delle Nazioni Unite, la CONVENZIONE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ, adottata nel 2006, ha ulteriormente promosso i diritti e il benessere delle persone con disabilità, ribadendo il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società.

La Convenzione invita gli Stati ad adottare le misure necessarie per identificare ed eliminare tutti quegli ostacoli che limitano il rispetto di questi diritti imprescindibili.  La Convenzione (Articolo 9, accessibilità) si focalizza sulla necessità di condizioni che consentano alle persone con disabilità di vivere in modo indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli aspetti della vita e dello sviluppo.

Anche l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile si fonda sul principio che nessuno sia lasciato indietro, qui ricomprese le persone con disabilità. In particolare, l’Agenda mira a un rafforzamento dei servizi sanitari nazionali e al miglioramento di tutte quelle strutture che possano permettere un effettivo accesso ai servizi per tutte le persone. Sensibilizzare l’opinione pubblica al fine di favorire l’integrazione e l’inclusione delle persone con disabilità permetterebbe un processo rapido verso uno sviluppo inclusivo e sostenibile, in grado di promuovere una società resiliente per tutti attraverso l’eliminazione della disparità di genere, il potenziamento dei servizi educativi e sanitari e in definitiva, l’inclusione sociale, economica e politica di ogni cittadino.

La giornata del 3 Dicembre deve ricordare che tutti siamo uguali e che dobbiamo dare importanza all’aiuto e all’inclusione di tutti gli individui nella quotidianità, ricordando i loro diritti, ma soprattutto essere d’aiuto e guidato alla comprensione.

“Nessuno venga lasciato indietro”. Questo il principio base della giornata.

Dopo le edizioni 2020 e 2021 della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità dedicate a quanti sono stati lasciati indietro durante la pandemia, a partire dagli studenti, le Nazioni Unite per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, che si celebrerà il prossimo 3 dicembre 2022, ha scelto come tema Trasformazione Verso Una Società Sostenibile E Coinvolgente Per Tutti”.

“L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile impegna a non lasciare nessuno indietro – spiega l’Onu nel messaggio che introduce la ricorrenza e la sua tematica – Le persone con disabilità, tanto come beneficiari quanto come agenti del cambiamento, possono tracciare velocemente il processo verso uno sviluppo inclusivo e sostenibile e promuovere una società più giusta per tutti, includendo in questo processo anche la riduzione del rischio di disastro, l’azione umanitaria e lo sviluppo urbano. I governanti, per persone con disabilità e le loro organizzazioni, il mondo accademico e il settore privato hanno bisogno di lavorare come un’unica squadra per realizzare gli Obiettivi dell’Agenda”.

Il tema scelto dall’ONU è “Soluzioni trasformative per uno sviluppo inclusivo: il ruolo dell’innovazione nel promuovere un mondo accessibile ed equo”, l’obiettivo/risultato che si vuole ottenere è sensibilizzare e scambiare buone pratiche sull’importanza dell’innovazione come strumento volto ad aumentare le possibilità per le persone con disabilità sia di creare che di partecipare nell’ambito dell’occupazione attraverso la condivisione di conoscenze, ricerca e buoni esempi di innovazione e soluzioni trasformative del settore privato, del settore pubblico e delle persone e quindi ridurre il divario delle disuguaglianze.

La disabilità è tutelata, innanzitutto, dalla Costituzione Italiana, che se ne occupa in diverse disposizioni, in maniera più o meno specifica. Gli articoli ai quali ci si riferisce sono il 2, il 3 e il 32.

In particolare, l’articolo 2 può porsi a fondamento della tutela della disabilità nella parte in cui dispone che “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo” e lo fa a prescindere dalle condizioni personali, sociali e di salute dell’individuo.

L’articolo 3, invece, sostiene la disabilità affermando che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” e che “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana”.

L’articolo 32, infine, sancisce che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”.

“Esorto tutti i paesi ad attuare pienamente la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, aumentare l’accessibilità e smantellare le barriere legali, sociali, economiche e di altro tipo con il coinvolgimento attivo delle persone con disabilità e delle loro organizzazioni rappresentative”

António Guterres

(Segretario Generale delle Nazioni Unite)

Nella giornata di VENERDI’ 2 DICEMBRE, la NOSTRA SCUOLA si impegnerà, con il fine di promuovere i diritti e il benessere delle persone con disabilità e di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera sociale, politica, economica e culturale della società, sostenendo:

in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità invitando ad un momento di riflessione e di approfondimento sul tema.

L’INIZIATIVA 2022 consiste nel dedicare la giornata ad attività trasversali sull’inclusione: nell’informazione, nella visione, nella ricerca, nello studio ed infine nella produzione di un elaborato multimediale di analisi degli obiettivi dell’Agenda 2030 assegnati alla singola classe.

 

LAVORI SVOLTI

2A Secondaria di primo grado

 

3A Secondaria di primo grado

 

 

2B Secondaria di primo grado

 

3B Secondaria di primo grado

1D Secondaria di primo grado

2E Secondaria di primo grado

 

3E Secondaria di primo grado

 

 

 



In questo articolo
Skip to content